Flop neroazzurri. Inter KO

Terminato il calciomercato l’attenzione si sposta tutta sull’inizio di campionato.
Ai ragazzi di Spalletti spetta la sfida molto delicata di Reggio Emilia, quasi un tabù visto che l’ultima vittoria neroazzurra risale al 2016.
L’attesa di vedere i nuovi acquisti tutti all’opera è tanta e Spalletti opta per il 4-2-3-1 con ben quattro dei nuovi acquisti tra i titolari: De Vrij, Asamoah, Lautaro e l’ex Politano.
Lo schieramento scelto però non ha mai impensierito i padroni di casa, i quali dopo un paio di belle azioni stoppate da Handanovic hanno trovato il vantaggio grazie a Berardi al 27 minuto da calcio di rigore.
Una partita davvero brutta quella dell’Inter, dove nonostante siano cambiati diversi interpreti si rivedono gli stessi problemi di tre mesi fa, un centrocampo anonimo, privo di idee, ma soprattutto lento nella manovra, che non riesce mai a supportare adeguatamente il reparto offensivo.
Il duo Brozovic – Vecino non ha mai preso in mano le redini del centrocampo, anzi sono stati facilmente sovrastati dal tuttofare Duncan.
Il croato ha perso e sbagliato troppi palloni e l’uruguaiano non è riuscito a stoppare le incursioni avversarie.
Nemmeno le corsie esterne hanno impensierito la difesa del Sassuolo, a sinistra Asamoah(unico sufficiente della squadra) ha dovuto troppo spesso tappare gli errori del disastroso Dalbert, mentre a destra l’asse D’Ambrosio-Politano è stato sterile, poco propositivo senza mai pungere la difesa avversaria.
Nemmeno Lautaro è riuscito a riproporre la cattiveria agonistica e il senso del gol che tanto lo avevano caratterizzato nel precampionato, troppo spesso spaesato e fuori dagli schemi, lasciando il compagno Icardi abbandonato contro la rocciosa difesa avversaria.
Le scarse sovrapposizioni, la manovra troppo lenta e quasi tutte le verticalizzazioni terminate in palla regalata agli avversari hanno reso l’Inter prevedibile e mai pericolosa.
Siamo solamente ad agosto ed è troppo presto per sentenziare, inoltre le assenze di Skriniar – Nainggolan – Perisic (entrato nel secondo tempo, ma ancora fuori forma) sono pesate come dei macigni.
Nonostante le parole di Spalletti “l’Inter è pronta”, c’è ancora molto da lavorare, soprattutto in vista del difficile esordio a S.Siro contro il Torino reduce da una immeritata sconfitta dopo una grande prova contro la Roma.

Edoardo Sbroggiò
edoardosbroggio@gmail.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...