Ronaldo va, Messi resta: aumentano i km ma il duello continua

Cristiano Ronaldo è della Juventus. Questa è la novità ma per chi ama districarsi tra i meandri della psiche, tra gli schizzi della mente, la vera notizia è che Lionel Messi è orfano del suo più grande rivale.

Qualcuno direbbe nemico, in quella patologica contrapposizione che altri tendono a creare. L’extraterrestre argentino contro l’androide assemblato in Portogallo. Un’entità superiore contro un agglomerato di talenti: 70% di fisico da dividere con un 30% di tecnica, intelligenza e cinismo. Dono di Dio contro l’artificialità spinta dal freddo progresso.

Oppure, semplicemente, stili diversi per vite indissolubilmente legate. Filosofie destinate a cozzare per sempre con Messi campione naturale, forse anche più umano nella sua straordinarietà, perché più incline alle pause, alla malinconia, alla inspiegabile tristezza tipica dei normali. Ronaldo, cultore della perfezione, della sistematicità dei gesti, della virtù del fare ad ogni costo.

Caratteri differenti, passati da esperienze personali e familiari altrettanto delicate. Quindi diversi ma non troppo, forze opposte ma uguali, sinonimi e contrari allo stesso tempo. Un po’ Tom e Jerry, un po’ Beatles contro Rolling Stones, birra contro vino o, fino a poco tempo fa, Barcellona contro Real Madrid. Entrambi indispensabili in quel gioco di nemesi che regola il mondo.

Con la speranza di rincontrarsi: perché la battaglia, seppur a distanza, continua.

Luca Villari

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...