Dallo smantellamento alla voglia di rinascita: la nuova Fiorentina riparte dai giovani

Dopo un’estate infernale trascorsa a vendere, vendere e ancora vendere, alla Fiorentina spetta il più difficile dei compiti: sorprendere. Esatto. Sorprendere soprattutto i tifosi, che hanno in maggioranza disertato l’Artemio Franchi, riempiendo la città di striscioni contro la proprietà viola. I Della Valle si sono stancati infatti di mantenere la squadra senza ottenere risultati e soprattutto incassi, e i tifosi dal canto loro, hanno negli occhi il peggiore degli incubi: lo smantellamento. La proprietà nei mesi scorsi ha infatti messo in vendita la squadra, cercando possibili acquirenti disposti ad investire soldi e tempo su quest’ultima, ma con l’avvento del mese di settembre pare che le cose siano cambiate.

In questa sessione di calciomercato ormai conclusasi, i Viola hanno dovuto far fronte agli addii di calciatori come Kalinic, Borja Valero, Gonzalo Rodriguez e Bernardeschi su tutti. Nonostante il DS Pantaleo Corvino si sia impegnato a sostituire i partenti con dei nuovi arrivi, ai tifosi questo non va giù. E vanno giù anche gli abbonamenti, meno di 17000, il numero degli abbonati di qualche anno fa quando la Fiorentina era in Serie C2.

Gli arrivi di giovani promesse come Simeone, Gil Dias, e Benassi fanno pensare ad una voglia di rinascita da parte della Viola, anche se la strada è cominciata non proprio nel migliore dei modi, com’era facile immaginare. Le prime due di campionato si sono concluse con due  sconfitte contro Inter e Sampdoria, mentre la terza giornata ha fatto emergere un pizzico di positività. La manita rifilata all’Hellas Verona al Bentegodi dalla squadra allenata da Pioli, è soltanto un momento di quiete, e non basta per far tornare i tifosi allo stadio. Il ciclo della Fiorentina è ormai finito, e se ne sta riaprendo uno nuovo, per il quale ci vorrà tempo. Molti dei nuovi arrivati lasciano intravedere un futuro roseo per la Viola e potrebbero fare di essa la sorpresa di questo campionato, anche se attualmente risulta molto difficile. Troppo ampio il gap con le altre big, reso ancora più accentuato come detto dalle partenze di questa estate. Nonostante il rapporto con i tifosi sia ormai ai minimi termini, e nonostante i Della Valle siano tornati a Firenze pochi giorni fa, vorrebbero rilanciare la squadra.

E’ questo infatti il messaggio che ha lanciato nei giorni scorsi il sindaco di Firenze Nardella, il quale ha affermato che i Della Valle non vogliono più vendere il club, ma hanno deciso al contrario di progettare un futuro roseo con tanto di nuovo stadio.

Il tecnico Pioli sa di avere tra le mani una squadra con delle potenzialità. Simeone è giovane ed ha talento, e l’aver scelto come suo compagno di reparto Thereau, indica come obiettivo quello di far crescere l’argentino e di non lasciarlo da solo lì davanti. Benassi è forte, non a caso, nonostante i sui 23 anni era anche capitano del Torino fino allo scorso anno. Gil Dias e Lo Faso hanno ottime doti, devono solo esplodere. Veretout ed Eysseric invece fanno già intravedere doti non comuni.

Gli elementi per aprire un nuovo ciclo ci sono, anche se i tifosi ad oggi misconoscono tutto ciò. C’è solo una chiave di volta per risanare le fratture tra società e tifo: far ricredere e credere nel progetto Fiorentina. 

Antonio Arena

antoniorossonero@hotmail.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...